La stanza di Anna

menomale! dinuovo tutto a posto :blush:

purtroppo invece per molte altre piante non è stato così
ho fatto un giro nei boschi qui intorno e ho visto molti alberi con rami tranciati, che si sono rotti sotto il peso della neve
hanno patito soprattutto i vecchi alberi da frutto, meli e peri, e le piante isolate o messe ai bordi del bosco; molti rami, anche grandi, sono finiti sulle strade
fa pena, ma forse è un modo della natura per eliminare la roba vecchia o troppo debole e fare un po' di pulizia

da una società così evoluta come la nostra, mi sarei aspettata un miglioramento nella capacità di argomentare, nel modo di esprimere i pensieri, le emozioni;
il cervello si è molto modificato dai tempi in cui la rabbia, il dolore, la gioia si esprimevano con delle urla che poco ne specificavano l' origine
il linguaggio, le parole, le frasi, il lessico tutto può portare a rendere chiare quelle cose che diversamente non possono essere esplicate
invece (sempre più) spesso, si assiste a un ricorso all' insulto, alle frasi grossolane e violente, che corrispondono e hanno lo stesso effetto delle urla indifferenziate, emesse dai primitivi per esprimere un qualche sentimento
eppure argomentare esprimendo in modo pacato le proprie ragioni potrebbe evitare molte risse, molta violenza e anche, in tanti casi una -del tutto inutile- sofferenza
in più, è da stolti non approfittare di questa grande arma che adesso abbiamo che è il discorso
visto che la vita riserva già in abbondanza fatiche e affanni, mi aspetterei un uso più appropriato delle parole volte a confortarci l' uno con l'altro piuttosto che quello di aggiungere, il più delle volte "a gratis", delle tribolazioni
buona giornata piovosa anche oggi, ma tra un po' dicono che viene l' alta pressione, speriamo...:slight_smile:

per i francofoni :slight_smile:
Dans une société aussi évoluée que la nôtre, je m'attendais à une amélioration de la capacité à discuter, à exprimer les pensées, les émotions;
le cerveau a beaucoup changé depuis que la colère, la douleur et la joie se sont exprimées avec des cris qui ne précisaient pas son origine;
le langage, les mots, les phrases, le vocabulaire peuvent tous amener à préciser ce qui ne pourrait pas être expliqué autrement;
au lieu (de plus en plus) souvent, nous voyons un appel à l'injure, aux phrases grossières et violentes, qui correspondent et ont le même effet que les cris indifférenciés émis par les primitifs pour exprimer un sentiment
Cependant, argumenter calmement en exprimant ses propres raisons pourrait éviter de nombreux combats, beaucoup de violence et même, dans de nombreux cas, une souffrance inutile.
de plus, il est insensé de ne pas tirer parti de la grande arme dont nous disposons maintenant qui est le discours;
puisque la vie déjà en abondance réserve des peines et des soucis, je m'attendrais à une utilisation plus appropriée de mots, visant à se réconforter plutôt qu'à ajouter, le plus souvent sans raison, des "tribulations"

bon jour de pluie, même aujourd’hui, mais au bout d’un moment ils disent que la pression monte, espérons-le ...:slight_smile:

speriamo bene
buomgiorno a chi passa di qui :slight_smile:

3 Likes

dalle mie parti quest' anno c' è statp poco foliage
forse il freddo è arrivato dopo, o, vatti a sapere...
adesso lo stanno facendo i larici: hanno assunto un bel colore oro e in contrasto con la neve e con il cielo (quando è blu :upside_down:) sono uno spettacolo
ehm dimenticavo... anche il mio acero adesso è tutto d' oro :slight_smile:

una finestra su chiappera
buongiorno :stuck_out_tongue:

non sarò mai abbastanza grata a questa madre natura che mi ha consolata quando le vicende della vita mi hanno fatto mettere tutte le forze in funzione, quando dopo essere stata a lungo insieme a tanti altri individui, intrappolata in rapporti sociali costretti e superficiali, mi ha offerto uno spazio di silenzio e di raccoglimento dove ho potuto riprendermi e riflettere, quando ho potuto cominciare dei rapporti umani veri, davvero appaganti anche perchè privi di risvolti economici
questi incontri -che io dico "benedetti"- sono stati quelli che mi hanno fatto credere che esistono legami che vanno oltre lo spazio e il tempo
i rapporti sociali hanno sempre influenzato molto il mio stato d' animo, hanno reso sopportabili anche i momenti più difficili e mi hanno regalato perle di gioia inesprimibile
lo scenario è sempre stato lo stesso: spazi magici di natura quasi intonsa, che la montagna ben rappresenta
tanti incontri e tanti viaggi si sono svolti e continuano ad accadere tra le sue dorsali, sui suoi sentieri, con la voglia di raggiungere un obiettivo che molto spesso non è altro che salire su una cima

per i francofoni :blush:

Je ne serai jamais assez reconnaissante à cette mère nature qui m'a réconfortée lorsque les vicissitudes de la vie m'ont fait mettre toutes mes forces en œuvre, quand après avoir été avec beaucoup d'autres individus, pris au piège de relations sociales forcées et superficielles, elle m'a offert un espace de silence et de recueillement où j' ai pu récupérer et réfléchir, quand j' ai pu commencer de vraies relations humaines, satisfaisantes, aussi parce qu'elles n'avaient aucune implication économique
ces rencontres - que je dis «bénies» - ont été celles qui m'ont fait croire qu'il existe des liens qui vont au-delà de l'espace et du temps
les relations sociales ont toujours grandement influencé mon humeur, elles ont rendu supportables même les moments les plus difficiles et m'ont donné des perles de joie inexprimables
le scénario a toujours été le même: des espaces magiques de nature presque intacte, que la montagne représente bien
tant de rencontres et tant de voyages ont eu lieu et continuent de se passer entre ses crêtes, sur ses chemins, avec le désir d'atteindre un objectif qui bien souvent n'est rien d'autre que grimper un sommet

1 Like

abbiate pazienza ma continuo a non essere su feisbuc
a me basta questo spazietto
e poi sono timida :hugging:so che nella ressa non reggerei
ho una paura tremenda della folla, della massa, forse ho avuto qualche trauma da piccola
sì deve essere così, devo avere proprio qualche cosa nella testa che è un po' diverso dalla norma: infatti la maggior parte della gente normale quando può cerca di raggruparsi ed è felice quando si trova in tanti a fare delle cose
forse è anche l' abitudine a stare qui tra i bricchi selvatici delle mie zone dove la concentrazione degli abitanti e dei frequentatori è abbastanza scarsa
non che non creda nel valore dei rapporti sociali, anzi, al fine della felicità sono fondamentali-niente è più triste della solitudine non cercata
è che riesco a comporre relazioni sociali soddisfacenti solo quando mi trovo con un esiguo numero di persone
anche tra gli animali succede qualcosa di simile per certe razze
i caprioli, i lupi, le volpi per esempio stanno a piccoli gruppi
altri invece amano stare in tantissimi, tutti appiccicati, ad esempio i fenicotteri, i pesciolini piccoli, certe cavallette, le api, le formiche
io dovessi rinascere uno di questi animali soffocherei dopo un giorno
buon giorno a tutti quelli che passano di qui :slight_smile:

quest'anno i boschi qui intorno sono privi di neve
da un lato comincio a essere preoccupata per il pericolo di eventuali incendi, perchè la tendenza sembra ancora per un periodo di giornate piene di sole
non posso negare comunque, di essermi molto divertita a scorrazzare nei boschi qui intorno, partendo direttamente da casa e quindi senza l' uso di mezzi inquinanti, come piace a me
siccome non sopporto proprio il caos che provocano le auto, cerco di starmene fuori più che posso dalle zone urbanizzate e quindi trafficate ( non sempre ci riesco...) e, ovviamente, anche di usare il meno possibile la macchina per non essere io stessa a contribuire al caos
spesso la rinuncia ad una sgambata sulla neve deriva anche dal fatto che questa mi richiede un lungo tragitto in auto...

mai come in questo periodo ho frequentato sentieri :slight_smile:
sentieri di bassa valle, senza grande gloria, senza grande avventura, ma che portano lontano e fanno viaggiare lontano i pensieri
e quindi poche relazioni di gite, poche foto
al posto tanti angoli dimenticati, tante leccornie per lo sguardo e poi, tanti passi, tante corse, tante siepi oltre le quali svalicare per svelare allo sguardo dei pezzetti di infinito
mentre sono lì, immersa in questo ben di dio che sono sorgenti, vecchie fontane, aria pura, alberi secolari, borgate insonnolite, radure e roccette avrei tante cose da raccontare ma, appena sono a casa, svanisce tutto in fretta nel turbine delle cose che mi divorano appena varco la soglia di casa
mi ritorna tutto in mente quando mi infilo sotto le coperte , appena chiusi gli occhi, ma... a questo punto la tastiera è anche lei a nanna
buone sgambate, ognuno a suo modo :stuck_out_tongue:

1 Like

ognitanto mi permetto una sgambata in valle
La chiamo "la gara del bus" : vado su fino a che lo incontro e poi scendo in bus
cerco di arrivare più in alto possibile, di farcela fino alla fermata dopo...
è allenante, anche perchè se non arrivo fino alla fermata devo tornare a piedi :smiley:
di sabato e domenica non si può fare questo gioco perchè c'è traffico, ma in settimana in certi orari, ci sono pochissime auto: ieri ne avrò viste dieci in tutto
e gli orari dei bus della valle sono perfetti
ieri per esempio sono andata in bus fino a macra e poi di corsa sono arrivata ad acceglio giusto giusto mentre il pullman stava partendo per scendere
eravamo solo io e l' autista e quindi abbiamo potuto fare una sosta a macra che c'è una fontana con l' acqua buona
che dico buona... buonissima!
l' acqua pura è una di quelle cose che per me sono irrinunciabili
io di irrinunciabile ho: l' acqua buona, e l' aria pulita e frizzante
proprio come quella che c'era ieri, soprattutto dopo stroppo, dove il sole lì, in inverno non si vede, e quindi fa un bel freschetto
l' aria, che in valle è limpida già di suo, così bella frizzantina, sembra ancora più pulita :slight_smile:

1 Like

sono abbastanza preoccupata per il protrarsi di queste giornate soleggiate
per andare in giro a scorrazzare come faccio ultimamente (dato che mi è impossibile allontanarmi troppo dalla mia tana) questo clima va benissimo, ma c'è il serio rischio che gli incendi possano distruggere i boschi
spesso, per fare legna, vengono tagliati gli alberi più comodi invece di scegliere quelli che rendono il bosco più difficilmente attaccabile dal fuoco
inoltre molti terreni che, anche solo poco tempo fa venivano coltivati, adesso sono abbandonati e invasi da rovi e arbusti
in questi casi il sottobosco quindi diventa una giungla di rami e rametti che si accendono facilmente
curare e proteggere il territorio secondo me è un impegno sociale molto importante, che non può assolutamente essere tralasciato
anche se il territorio sembra "di nessuno"...
sono convinta che se i soldi pubblici venissero usati per prevenire invece che curare - in questo caso per tenere in ordine i boschi invece di dedicare energie a spegnere gli incendi - globalmente si spenderebbe sicuramente meno e si eviterebbero certi disastri così dolorosi sia per noi che per la natura stessa

mi capita quando arrivo sulla cima di una montagna dove lo sguardo può allungarsi lontano, fino alla pianura, di vedere gli agglomerati urbani e immaginare la vita sociale frenetica di chi vive laggiù (di cui anche io, ben inteso, faccio parte)
per quel breve tempo di permanenza, attaccata al cielo, riesco ad esserne fuori completamente
in mezzo al traffico che immagino da lontano mi vedo anche io quando, carica di preoccupazioni e di paure, sento il peso di responsabilità che mi sembra di non poter assolutamente tralasciare
mentre sono in questa posizione privilegiata, con lo sguardo e la mente che spaziano, riesco a distinguere più chiaramente quali sono gli impegni ineluttabili e quelli che invece spesso mi intrappolano senza essere così importanti
ho sempre bisogno di allontanarmi un po' per vedere le cose da distante: in questo modo capisco meglio le proporzioni
certi impicci sono solo insidie che, con l' inganno mi cambiano le prospettive, facendomi sembrare importanti certe attività che, se non dannose, sono assolutamente inutili e che perlopiù, spesso, mi portano a "volare basso"
inoltre certi inutili affanni sono in grado di far scomparire quelle aspirazioni e quei sogni senza i quali non riesco a vivere e che, soprattutto, mi rendono sopportabili le giornaliere fatiche (davvero inevitabili) che la vita mi presenta

per i francofoni :slight_smile:

cela m'arrive quand j'arrive au sommet d'une montagne, où le regard peut s'étendre loin, jusqu'à la plaine, et je vois les agglomérations urbaines et j' imagine la vie sociale frénétique de ceux qui y vivent (dont je fais bien sûr aussi partie).
Pour ce court séjour, attaché au ciel, j'arrive à en sortir complètement.
Au milieu du trafic que j'imagine de loin, je me vois aussi quand, pleine d'inquiétudes et de peurs, je sens le poids des responsabilités qu'il me semble que je ne peux absolument pas manquer.
Alors que je suis dans cette position privilégiée, avec le regard et l'esprit que s' étendent, je peux distinguer plus clairement quels sont les engagements inévitables et ceux qui me piègent souvent sans être si importants.
J'ai toujours besoin de m'éloigner un peu pour voir les choses à distance: ainsi je comprends mieux les proportions
certains obstacles ne sont que des pièges qui, avec la tromperie, mes perspectives changent, rendant certaines activités qui semblent importantes, sinon nuisibles, absolument inutiles et qui, souvent, me conduisent souvent à "voler bas".
De plus, certains soucis inutiles sont capables de faire disparaître ces aspirations et ces rêves sans lesquels je ne peux pas vivre et qui, surtout, rendent supportables les efforts quotidiens (vraiment inévitables) que la vie me présente.

4 Likes

Brava ! (enfin je crois qu'on dit comme ça ?) :slight_smile:

1 Like

Vu mon niveau d'italien j'ai mis un j'aime c'est plus simple :wink: